Gesù, dopo il Suo Battesimo, sospinto dallo Spirito Santo, rimane nel deserto quaranta giorni

Fuscaldo, Sabato 24 Febbraio 2018 - 07:39 di la redazione

A cura di Don Vincenzo Carnevale

1a Domenica di Quaresima, 18 Febbraio 2018

Il Regno di Dio è vicino!

Gesù, dopo il Suo Battesimo, sospinto dallo Spirito Santo, rimane nel deserto quaranta giorni ed è tentato da Satana. Poi, andò in Galilea e proclamava il Vangelo, dicendo: ‘Il tempo è compiuto e il Regno di Dio è vicino; Convertitevi e Credete nel Vangelo’. Metanoèite, cambiate mentalità e le vostre inique abitudini di vita e Pistèuete, aderite al Vangelo e vivete nella sua fedeltà e coerenza, perché il Regno di Dio è vicino ma va raggiunto per entrarvi a farne parte.

I due imperativi sono da compiersi, sono permanenti e urgenti per tutta la vita e non sono da rilegare, solo allo spazio liturgico dei ‘quaranta giorni’! Essi si specificano e si compiono reciprocamente: chi si converte, accoglie la Persona di Gesù e il Suo ‘Messaggio’; e chi crede al Vangelo e aderisce alla Persona di Gesù, non può se non essere convertito necessariamente alla logica del Regno di Dio! La Conversione è così adesione di fede, in modo permanente e perseverante, alla Persona di Cristo e al Suo Vangelo e si estende per tutta l’esistenza umana, fino al suo compimento terreno! Gesù è tentato da Satana nel desertoLa ‘prova’ dura per tutta la vita e non solo quaranta giorni!

La tentazione, come la sofferenza fisica e spirituale, fanno parte della nostra vita quotidiana, perché legate alla nostra fragilità, connesse alla nostra debolezza e vulnerabilità fisica e psichica, del cuore e dell’anima. Sono le compagne inseparabili del nostro cammino esistenziale, umano e spirituale. Allora, come ‘sopportarle’ senza esserne devastati e addirittura schiacciati? Come ha fatto e ci insegna Gesù: imitando la pazienza del Padre nei riguardi dei nostri tradimenti, non fidando solo sulle nostre forze, ma nella fiducia filiale e totale abbandono nel Padre Suo e nostro, nel Suo amore e nella fedeltà alla Sua volontà salvifica.

Queste prove e queste sofferenze le possiamo attraversare, sopportare e superare se le affrontiamo come Gesù ci insegna con il Suo esempio e la Sua determinazione a rimanere sempre fedele alla missione a Lui affidata dal Padre. Abbiamo iniziato, per grazia di Dio e per la Sua gloria, che è la nostra salvezza, il cammino gioioso e liberante di una nuova Quaresima, che è Kairòs, Tempo di Grazia, nuova offerta di amore, da non perdere, assolutamente, e da accogliere e vivere, nella gioia della nuova amicizia, che rinasce e di una rinnovata e più vitale relazione con Cristo, come risposta coerente e fedele alla nostra vocazione e missione battesimale, quella di essere e vivere da figli di Dio e fratelli tra di noi. 

La nostra Quaresima, dunque, è solo gioia, desiderio e volontà di ricominciare una nuova vita e godersi la sua ristabilita bellezza e gustarne tutti i nuovi suoi sapori! È bella la nuova vita che rinasce dalla Pasqua del Signore, verso la quale ci siamo insieme e nella comunione incamminati, forti e sicuri che nella Sua Pasqua siamo stati già riconciliati, redenti e salvati. Siamo anche consapevoli che questo cammino richiede a ciascuno di noi un cambiamento radicale di mente e di cuore (‘metanoia’) che deve essere responsabilità quotidiana e permanente nella fedeltà gioiosa alle Promesse e agli Impegni del nostro Battesimo. Quaresima è grazia che genera gioia nel nostro cammino verso la Pasqua, perché a guidarci è Gesù in persona che, con la Sua Parola, ci fa ardere il cuore di nuova speranza, nel Suo quotidiano spezzare il Suo corpo per noi e versare il Suo sangue ‘in remissione dei nostri peccati’.

Cammina con noi e si lascia amare nei poveri, che soccorriamo con amore, privandoci di qualcosa per fare felici altri (Elemosina e Digiuno), rimettendoci in comunione con il Padre Suo e Padre nostro (Preghiera). Il mio impegno quaresimale: Voglio e devo liberarmi di ogni forma di ipocrisia! Ogni cosa che farò, mi chiederò il perché la faccio: la faccio per me, per essere visto, lodato, ammirato, magnificato dagli uomini, o la compio per amore dei fratelli, per il loro bene e, perciò, per la gloria di Dio?

Fai clic qui per la meditazione integrale dell'Omelia



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code